Museo delle Origini dell'Uomo



L'ORIGINE DEL TEMPIO CON ALTARE LITICO E DIVINITA' BIFRONTE NEL PALEOLITICO




Nella Caverna di El Juyo, Santander, Spagna, rimasta chiusa per millenni, è stato trovato un monolito squadrato del peso di quasi 1000 kg, portato appositamente nella caverna.
Il monolito era (ed è ancora) appoggiato su un palco di terra, e contiene offerte sacrificali, costituite da molluschi, da semi e da ossa di piccoli animali.
Questo monolito è stato considerato un altare dagli scopritori : il Prof. Leslie Freeman dell'Università di Chicago e da altri archeologi spagnoli.
Di fronte all'altare era collocata la scultura, che raffigura mezza testa umana unita a mezza testa di felino, che rappresenta un dio.
Gli scopritori ritengono che la Caverna di El Juyo sia il più antico tempio che si conosca. La sua datazione assoluta è 14.000 anni.

E' necessario fare un confronto con le grotte con i dipinti zoomorfi franco-cantabrici, che sono coevi del Tempio di El Juyo. In queste grotte, che sono decine, non sono stati trovati altari di pietra, e neanche sculture litiche antropomorfe o zooantropomorfe bifronti, ma solo dipinti zoomorfi, e quindi, sono luoghi di culto o luoghi sacri per riti di magia, ma non sono templi con divinità. I popoli con pittura zoomorfa, inoltre, non lavoravano la grande pietra.

Il Tempio di El Juyo si collega alle civiltà paleolitiche che hanno prodotto colossi e lavorato i megaliti, ed è all'origine dei templi preistorici post-paleolitici, e anche dei templi storici.
La scultura zooantropomorfa trovata nella caverna, essendo unica, è testimonianza di un dio unico, almeno in quel tempio di 14.000 anni fa.


Fig. 34,1) Disegno della scultura litica zooantropomorfa bifronte di El Juyo, ora nel Museo di Altamira (vedi Fig. 9,9).
Il disegno della scultura è opera degli scopritori americani e spagnoli, mentre i tre disegni dimostrativi sono eseguiti da P.Gaietto.





NEXT

Index

HOME PAGE


Copyright©1999-2009 by Museo delle Origini dell'Uomo, all rights reserved.